Home Brani CARU FÌGLIU MIE CA SI' LUNTANU
Brano


 

verso iniziale identificativo:


 

 

CARU FÌGLIU MIE CA SI' LUNTANU

CARO FIGLIO MIO CHE SEI LONTANO

 

1

2

3

4

5

6

CARU FÌGLIU MIE CA SI' LUNTANU

MÀNNEME A DIRE QUANNU TI NNE VÌENI

TU À' STURDUTU TUTTI LI SCRIVANI

LI MERCIARÙOLI CHI CARTA VINNÌANU

LÌTTERE MANNAMINNE 'N QUANTITATE

MA SORDI MANNAMINNE PPE DUE VOTE

CARO FIGLIO MIO CHE SEI LONTANO

MANDAMI A DIRE QUANDO TE NE TORNI

TU HAI STORDITO TUTTI GLI SCRIVANI

I MERCIAIUOLI CHE VENDEVANO CARTA

LETTERE MANDAMENE IN QUANTITÀ

MA SOLDI MANDAMENE PER DUE VOLTE

1

2

3

4

5

6


trascrizione testo

Grottola, Pierluigi

traduzione

Spina, Eleonora

luogo/luoghi di riferimento

Pedace (CS) – Calabria – Italia

fonte

De Luca, Annunciato, Profilo rapido delle vicende pedacesi intorno al convento di S. Francesco di Paola, Fasano Editore, Cosenza, 1978, p. 51

tipologia brano

CANTI E STROFETTE

tema

LONTANANZA

LETTERE

DENARO

diritti sul brano

tradizionale - pubblico dominio

pagina aggiornata alla data

23 ottobre 2008






Scheda Brano
Verso iniziale identificativo: CARU FÌGLIU MIE CA SI' LUNTANU
Luogo di riferimento: Pedace
Fonte: De Luca, Annunciato
Tipologia Brano: CANTI E STROFETTE
Tema Brano: LONTANANZA
LETTERE
DENARO



Commento/Parafrasi:

Canto di lontananza rivolto da una madre (o da un padre?) al figlio. Sembra si tratti di un figlio emigrato per lavoro (piuttosto che magari soldato o altro), vista la richiesta di inviare soldi.

(Pierluigi Grottola)














Registrati qui per lasciare un commento

< Ritorna alla lista dei brani